Home
/
CONSIGLI D'ARREDO E IDEE PER LA CASA
Precedente
/
Prossimo

Mussole: le migliori amiche di un neonato

Mussole per neonato: cosa sono, a cosa servono

Qual è il tessuto migliore per la cura del tuo bambino? Le mussole di cotone sono la scelta giusta per rispettare la pelle delicata di un neonato. Realizzate in fibra di cotone 100% (anche se esistono alternative, come le mussole bamboo) sono estremamente morbide, assorbenti, traspiranti e resistenti. Vengono infatti utilizzate per realizzare prodotti per bambini, come: sacchi nanna, teli bagno, panni antirigurgito, ma anche pannolini lavabili e fasce per lo swaddling (la tecnica di fasciatura del neonato).

Un segreto della tradizione, usato anche dalle nostre nonne, che torna nei prodotti contemporanei per offrire soluzioni igieniche, sicure, confortevoli e di facile utilizzo nella cura dei neonati.

Mussole: cosa sono e a cosa servono

Cosa sono le mussole? Il significato di “mussole” indica letteralmente “un tessuto di cotone in armatura di tela realizzato con filati fini. La “mussola”, o qualche volta “mussolina”, è un tessuto la cui origine risale ai tempi antichi e proviene dalla Mesopotamia, dalla città di Mossul. Facile immaginare come un tessuto assorbente, traspirante e leggero come questo possa essere nato dalla necessità di proteggersi dalle difficili condizioni di quei climi aridi.

Le mussole per neonati

Sono simili alla garza: la trama ampia, infatti, garantisce una forte assorbenza, traspirazione e un tocco delicato sulla pelle. Con un peso variabile da 50 a 90 gr al metro quadrato e una  densità di circa 26 e 24 fili (ordito e trama), le fibre predilette per le mussole sono il 100% cotone e il bamboo, ma ne esistono anche di lana e di lino.

Chiaramente, il cotone naturale è la materia prediletta per via delle sue caratteristiche: assorbente, ipoallergenico, igroscopico e resistente, anche dopo molti utilizzi e lavaggi, assicura la qualità del prodotto dal tessuto morbido e durevole.

Oltretutto, visto che è un tessuto naturale, biodegradabile e durevole, le mussole di cotone sono anche ecosostenibili! Una scelta salutare per il tuo bambino e per l’ambiente.

A cosa servono, quindi? Le mussole possono accompagnare l’intera giornata del tuo bambino, dalla nanna, avvolto in una morbida copertina o in un sacco nanna, alla pappa: il tessuto leggero può essere un riparo delicato e discreto per mamma e neonato durante l’allattamento, o anche come protezione dal sole sopra al passeggino durante le passeggiate all’aria aperta.

Le migliori mussole per neonato

Quali sono le migliori mussole per il tuo bambino? Abbiamo detto che la mussola di cotone, visti tutti i vantaggi che offre, è la scelta principe verso cui orientarsi.

Individuato il materiale, abbiamo altri parametri che ci possono aiutare: certamente, un prodotto certificato Made in Italy e Oeko-Tex (cioè anallergico, senza trattamenti con sostanze nocive alla salute, idoneo al contatto con pelli sensibili) ci indicano mussole migliori per un neonato, la cui pelle sensibile va protetta anche dagli agenti chimici che a volte si trovano nei tessuti industriali.

E poi, ovviamente, i colori! Per fortuna esistono colorazioni e modelli davvero per tutti i gusti, dalle tinte unite, alle fantasia, ai design che imitano teneri animali, morbidi e coccolosi.

Eppure, il colore non è solo un dettaglio estetico: colorazioni troppo brillanti e accese potrebbero essere uno stimolo eccessivo per gli occhi dei neonati, che ancora non distinguono bene forme e tonalità e che stanno appena cominciando a prendere confidenza col mondo.

Orientati quindi su un blu navy, su un rosa fenicottero stampe delicate su fondi bianchi e neutri. Mentre per bambini un po’ più grandi, da un anno in su, sicuramente adoreranno sacchi nanna e anche di un intenso arancio.

Morbidezza, sicurezza e qualità per i tuoi bambini.
Scopri le MUSSOLE LISOLASTORE!
 
 

Mussole: perfette per la fasciatura del neonato

La fasciatura del neonato, nota anche col nome inglese “swaddling", è una tecnica antica praticata e apprezzata ancora oggi, che prevede l’utilizzo di un tessuto morbido e leggero per avvolgere strettamente il bambino. Lo scopo è aiutare il piccolo a calmarsi e rilassarsi replicando la sensazione di contenimento e protezione che associa al periodo trascorso nel ventre materno. Se ci pensiamo, la prima cosa che viene istintivo fare quando un neonato piange è prenderlo in braccio e stringerlo al petto, perché siamo consapevoli che in quell’abbraccio gli trasmettiamo conforto e sicurezza.

Ovviamente, bisogna prestare attenzione ad applicare questa tecnica correttamente: il bambino deve poter stendere le gambe e respirare liberamente, ma non deve essere in grado di liberare le braccia, correndo il rischio di soffocare col tessuto libero di muoversi. Inoltre, la testa deve sempre rimanere coperta e la nuca ben sostenuta.

La mussola di cotone è perfetta per la fasciatura, sia perché è resistente e leggera, sia perché è un tessuto traspirante: è importante che il bambino non abbia troppo caldo quindi, prima di praticare lo swaddling, è consigliabile controllare la temperatura, ed è meglio evitare durante l’allattamento (momento in cui il bambino tende a accaldarsi maggiormente).

Vediamo insieme il procedimento per realizzare la fasciatura del neonato:

  1. 1. Stendi la mussola su un piano, ben distesa, e piegala fino a formare un triangolo.
  2. 2. Adagia il tuo bambino comodamente al centro (alcune mussole per la fasciatura hanno anche una tasca interna in cui inserire le gambe del neonato, ma è necessario verificare le misure affinché il piccolo abbia lo spazio per distendere le gambe);>
  3. 3. Prendi il lembo destro della mussola e tiralo, avvolgendo il braccio e il tronco del neonato e lasciando libero il braccio sinistro. Ripeti l’operazione sull’altro lato.
  4. 4. Rimbocca il fondo dai piedi assicurandolo sotto l’incrocio della fasciatura.

    fasciatura del neonato -swaddling

    Semplice, no? Per assicurare al tuo piccolo un abbraccio soffice e confortevole, ti consigliamo il nostro Set di Copertine in Mussola di Cotone: 100% cotone naturale, un prodotto di qualità e totalmente Made in Italy.  

    Mussole: lavaggio e stiratura

    Come abbiamo detto, le mussole di cotone sono molto resistenti e possono durare a lungo nel tempo, soprattutto se trattate con le dovute accortezze. Sono facili da lavare a bassa temperatura, in effetti sarebbe bene non superare un massimo di 40°C. È meglio non esagerare nemmeno con la centrifuga, per non maltrattare troppo il tessuto, e se lavato a mano si raccomanda di non strizzare con troppa forza il tessuto. Evitare l’asciugatrice, che secca eccessivamente. I capi in mussola si possono stirare: per un risultato ottimale, meglio stirare il tessuto ancora un po’ umido e, per preservare stampe e disegni, si può tenere un pezzo di stoffa tra il ferro da stiro e la mussola.

    Seguendo questi consigli, le tue mussole resteranno morbide a lungo. Scegli le migliori mussole per il tuo bambino, proprio come quelle che puoi trovare tra quelle che abbiamo qui, su LisolaStore.

     Telo in Mussola di Cotone - Costellazioni Coppia Copertine Mussola di Cotone - Gattini Telo in Mussola di Cotone - Lecca Lecca

     

    Lascia un commento
    I Commenti verranno approvati prima di essere pubblicati
    Come pulire il tappeto con il bicarbonato
    Come pulire il tappeto con il bicarbonato
    Di Giorgia Sbardellati24 novembre 2022 2 Minuti di lettura
    Leggi di più
    Come togliere le macchie di melograno dalla tovaglia
    Come togliere le macchie di melograno dalla tovaglia
    Di Giorgia Sbardellati16 novembre 2022 3 Minuti di lettura
    Leggi di più
    Centrotavola autunnale
    Centrotavola autunnale: idee fai da te creative
    Di Giorgia Sbardellati2 novembre 2022 4 Minuti di lettura
    Leggi di più
    Porta l'autunno in tavola
    Porta l'autunno in tavola
    Di Giorgia Sbardellati27 ottobre 2022 3 Minuti di lettura
    Leggi di più

    Grazie per l'iscrizione