19 agosto 2020

Come lavare un piumino da letto in lavatrice

Come lavare un piumino da letto in lavatrice?

Prima di riporre il piumino nell'armadio per conservarlo, il primo importante passo da fare è quello di lavarlo e igienizzarlo in maniera corretta.

Infatti, è necessario che sia accuratamente pulito e lavato secondo le indicazioni: basta leggere l’etichetta per sapere come esso andrà trattato. Infatti, in molti casi è possibile lavare il piumino da letto comodamente in lavatrice, senza portarlo in tintoria.

Ecco tutto quello che dovresti sapere su come lavare il piumino da letto in lavatrice.


Come lavare un piumino da letto in lavatrice? Alcune considerazioni preliminari

  • Come prima cosa, è bene controllare la capienza del cestello della propria lavatrice: è necessario infatti avere lo spazio sufficiente per poter lavare il piumino senza che esso si rovini. Per un piumino singolo l’ideale è avere un cestello dalla capienza di 7 kg, per un piumino matrimoniale, invece, il cestello dovrà essere da 9-10 kg, poiché durante il lavaggio il piumino crescerà di volume e, se il cestello è troppo piccolo, l’imbottitura rischierà di rovinarsi. 
  • È importante inoltre ricordarsi di lavare il piuminoda solo, mai insieme ad altri capi, in particolare a quelli colorati, per evitare che si macchi in modo irreversibile. Bisogna lavare il piumino separatamente dal copripiumino.

Per sapere come lavare i piumini da letto in lavatrice bisogna fare attenzione all'imbottitura.

I materiali che costituiscono l’imbottitura e il rivestimento del piumino infatti, sono degli indicatori importanti del tipo di lavaggio che dovrà essere eseguito: per questo è bene distinguere tra il piumino sintetico, in fibre naturali e il piumino in vera piuma.


Come si lava in lavatrice il piumino da letto in vero piumino

Se si possiede un piumino con imbottitura naturale in vera piuma, bisogna lavarlo in lavatrice con il programma per i piumini/trapunte o impostando un lavaggio per prodotti in cotone, e una temperatura di massimo 40 gradi.

La centrifuga (come per le altre tipologie di piumino) deve essere invece impostata sugli 800/900 giri.

Nella vaschetta va posizionato il detersivo liquido non aggressivo unito a un po’ di aceto, oppure il bicarbonato di sodio in sostituzione al detersivo.

Anche in questo caso si possono inserire le palline da tennis nel cestello per mantenere l’imbottitura omogenea. 

Dopo aver capito come lavare un piumino da letto in lavatrice - se imbottito con vero piumino - vediamo anche come farlo asciugare correttamente: per prima cosa è bene scuotere il piumino per far riprendere alle piume all’interno dell’imbottitura la loro corretta posizione.

Se si ha un’asciugatrice, in questo caso è bene utilizzarla (ma solo a temperature basse) poiché essa contribuirà a rendere più voluminoso il piumino tramite il suo getto d’aria.

In caso contrario, bisogna far asciugare il piumino all’aria aperta e in orizzontale, come suggerito in precedenza, se possibile girandolo su entrambi i lati in modo che asciughi in modo uniforme.

In genere il tempo in cui il piumino si asciuga è di un paio di giorni in una giornata soleggiata e ventilata.

 

Scopri tutti i piumini da letto in vero piumino disponibili su LisolaStore

Clicca qui


Come lavare i piumini in fibre naturali organiche

Ecco uno specchietto con le indicazioni su come lavare un piumino da letto in lavatrice se realizzato con fibre naturali organiche:
  • Piumini realizzati in canapa e cotone bio:30°C, ciclo delicato con asciugatura all’aria aperta
  • Piumini realizzati bamboo e mais: 60°C, ciclo delicato con asciugatura all’aria aperta
  • Piumini realizzati in seta Tussah (seta grezza): lavaggio a 40°C
  • Piumoni di lana merino e cirmolo: il prodotto non è lavabile
  • Piumoni in tencel: 60°C, ciclo delicato con asciugatura all’aria aperta

 

Scopri tutti i piumini in fibre naturali organiche disponibili su LisolaStore

Clicca qui

 

Come riporre in modo adeguato il piumino da letto dopo il lavaggio

Una volta asciugato perfettamente (in asciugatrice a temperature basse per prodotti delicati o all’aria aperta, ma mai sotto i raggi diretti del sole) e, se si tratta di un piumino d’oca, sbattuto per far riposizionare le piume, si consiglia di inserire il piumino nel suo apposito sacco copri-piumino (o sacche realizzate appositamente), in modo che ci sia l’adeguata aerazione, da riporre poi con cura nell’armadio, o comunque in luogo buio e asciutto, fino al successivo utilizzo.

Per quanto riguarda il piumino d’oca,è importante ricordarsi di non collocarlo mai in un sacco sottovuoto: il rischio è quello di sfaldare il piumino.

In ogni caso è possibile inserire dei sacchettini anti-umidità.

 

Ecco gli altri articoli della nostra speciale rubrica sui piumini che potrebbero interessarti:


Lascia un commento

I Commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

ISCRIVITI