Home
/
CONSIGLI D'ARREDO E IDEE PER LA CASA
Precedente
/
Prossimo

Come togliere le macchie di melograno dalla tovaglia

Come togliere le macchie di melograno dalla tovaglia

In tanti amano il melograno, sia per il suo gusto, leggermente aspro e molto dissetante, sia per i tanti benefici che comporta per la salute. Tuttavia, spesso risulta difficile spremerne i semi per ricavare il succo, e, una volta ottenuto, si fa una scoperta non proprio piacevole: il melograno macchia, tantissimo! 

Tuttavia esistono, per fortuna, alcuni accorgimenti da prendere per smacchiare tovaglie, vestiti e mani dal succo di melograno. 

Proprietà e benefici del melograno

Il melograno è un frutto autunnale caratterizzato dalla buccia molto spessa e resistente. All’interno si trovano centinaia di semi, detti “arilli”, avvolti da una polpa traslucida che, con la maturazione del frutto, diventa di un brillante rosso scarlatto. Il melograno possiede molte proprietà benefiche per l’organismo: la polpa, da cui spesso si preferisce ricavare il succo piuttosto che ingerire il singolo arillo intero, contiene moltissimi principi attivi antiossidanti, contrasta i radicali liberi ed è un valido alleato per contrastare l’insulino-resistenza, stimolando la produzione di insulina e inducendo la riduzione dell’indice glicemico. È, inoltre, una vera miniera di vitamine A, B e C .  

Come sgranare e spremere il melograno

Molti preferiscono comprare il succo di melograno, perché pulire questo frutto e schiacciarne i semi sembra un procedimento complesso e laborioso. In realtà, è piuttosto semplice. 

La prima cosa da fare è indossare un grembiule e dei guanti di lattice (o un alternativa in caso di allergie) per prevenire macchie sui vestiti e sulle mani. 

Per spremere un melograno ci sono principalmente due tecniche:

  • usare lo spremiagrumi: taglia il melograno a metà e spremilo come faresti con un’arancia, facendo attenzione ad applicare molta pressione, così da schiacciare bene i semi. 
  • frullare e filtrare: il modo migliore per sfruttare al massimo ogni singolo chicco. Taglia in quattro spicchi il melograno e, lavorando su una ciotola, comincia ad aprire il singolo spicchio, facendo cadere tutti i semi, o arilli, dentro la ciotola. Una volta finita questa operazione, inserisci tutti i semi in un frullatore e centrifuga a velocità medio alta per qualche minuto. A questo punto, con un colino filtra la purea di polpa e semi macinati, per ottenere il succo limpido e scarlatto del melograno. 

Come togliere le macchie di melograno

Togliere le macchie di melograno è un’impresa difficile, ma non impossibile. Occorre armarsi di pazienza e qualche accortezza in più. Ovviamente, se stai progettando di cimentarti in qualche deliziosa ricetta a base di melograno, conviene giocare d’anticipo e apparecchiare la vostra tavola con una tovaglia antimacchia: il trattamento antimacchia crea sul tessuto una patina idrorepellente che fa rimanere il liquido in superficie per i primi minuti e protegge la tovaglia, permettendoti così di agire prontamente e asciugare il succo di melograno prima che la macchi.

La prima cosa da fare in caso di macchia di succo di melograno su tovaglia o runner è immergere il tessuto in una bacinella di acqua fredda, così da non far seccare la macchia. 

Dopodichè si può procedere in diversi modi:

  • Tea tree oil per ammorbidire la macchia: questo si che è un vero trucchetto della nonna. Se hai questo utilissimo olio essenziali in casa, diluiscine qualche goccia nell’acqua per i capi in ammollo e lascia agire per almeno mezz’ora. A questo punto, prova a rimuovere le macchie con l’aiuto di una spugnetta e acqua corrente, le meno ostinate dovrebbero già “rendere le armi” e restituirti la tua tovaglia linda e pinta. 
  • pretrattare con uno smacchiatore specifico e lavare in lavatrice con normale detersivo, avendo cura di utilizzare un programma a massimo 30°; l’acqua calda, infatti, potrebbe fissare ulteriormente la macchia, invece di ammorbidirla. 
  • crea una pasta sbiancante emulsionando insieme bicarbonato e normale detersivo e applicala sulla macchia, lascia agire per qualche minuto e massaggia bene l’impasto perché penetri il tessuto, quindi inserisci in lavatrice per un normale lavaggio a bassa temperatura. Possiamo anche prendere spunto dal libro dei rimedi della nonna per togliere le macchie e usare, al posto del detersivo, qualche goccia di succo di limone o di aceto di vino bianco per attivare il bicarbonato. 
  • infine, l’alleata contro le macchie più ostinate, soprattutto per i capi bianchi: la candeggina. Se il tessuto è particolarmente pregiato e delicato, ti consigliamo di rivolgerti ad una lavanderia, ma altrimenti la candeggina non conosce rivali. Lava il capo in acqua bollente, quindi tampona la candeggina sulla macchia e risciacqua sotto acqua fredda. In caso di alone persistente, ripeti il procedimento e tampona ancora. 

Ti sono rimaste delle fastidiose macchie gialle sulle mani dopo aver pulito il melograno? Nessun problema. Dopo aver lavato accuratamente le mani con il sapone, prendi un batuffolo di cotone idrofilo e, con l’aiuto di succo di limone o solvente per unghie, strofinalo sulle chiazze fino a rimuoverle completamente. Infine, risciacqua le mani e applica della crema idratante per prevenire secchezza e microlesioni alla pelle. 

Lascia un commento
I Commenti verranno approvati prima di essere pubblicati
Come pulire il tappeto con il bicarbonato
Come pulire il tappeto con il bicarbonato
Di Giorgia Sbardellati24 novembre 2022 2 Minuti di lettura
Leggi di più
Centrotavola autunnale
Centrotavola autunnale: idee fai da te creative
Di Giorgia Sbardellati2 novembre 2022 4 Minuti di lettura
Leggi di più
Porta l'autunno in tavola
Porta l'autunno in tavola
Di Giorgia Sbardellati27 ottobre 2022 3 Minuti di lettura
Leggi di più
Macchie di vino rosso sulla tovaglia
Cinque rimedi della nonna per togliere le macchie di vino rosso
Di Giorgia Sbardellati20 ottobre 2022 3 Minuti di lettura
Leggi di più

Grazie per l'iscrizione